Panoramica sull’istruzione scolastica alternativa alla scuola pubblica “classica”: la home schooling

In questi giorni, in cui si sono susseguite molte ipotesi sulla prosecuzione della didattica a distanza, sulla modalità di riapertura della scuola pubblica a settembre e sulle tante idee e opinioni che si sono avvicendate sulla questione, noi della DTC, quale scuola privata di lingue e di attività educative in generale, ci siamo interrogati sul futuro dell’istruzione.

Vogliamo essere la scuola all’avanguardia e sempre aperta a tutte le idee e proposte, valutiamo possibilità che possano sviluppare le capacità di apprendimento dei nostri studenti, basandoci sulla nostra esperienza, sull’empatia e la valorizzazione di ogni studente singolo e rapportato al gruppo: non esiste lo studente sbagliato o giusto, esiste lo studente con le sue capacità, il suo carattere, le sue propensioni, le sue sicurezze e insicurezze. Il compito di noi insegnanti sta nell’insegnare il valore dello studio, la passione dell’apprendimento, il superamento delle incertezze e delle paure, la voglia di imparare per imparare, non solo per il voto. La votazione è necessaria per la valutazione dell’apprendimento, ma non deve essere uno scoglio insormontabile che provoca stress. La votazione è uno strumento, non un fine.

Stiamo cominciando ad esplorare il mondo dell’home schooling, ovvero l’insegnamento o educazione o istruzione parentale, ovvero seguire l’istruzione dei propri figli senza mandarli a scuola.

Siamo rimasti sorpresi, perché eravamo convinti che l’istruzione obbligatoria fino ai 18 anni fosse possibile solo ed esclusivamente attraverso la scuola statale o paritaria legalmente riconosciute, ma non è vero: in Italia non è la scuola a essere obbligatoria ma l’istruzione. In Italia l’istruzione parentale è perfettamente legale ed è una delle possibilità di istruzione sancite nella nostra Costituzione. L’articolo 34 della Costituzione Italiana recita: L’istruzione inferiore, impartita per almeno otto anni, è obbligatoria e gratuita”. Quindi è l’istruzione ad essere obbligatoria, ma non la scuola”. Inoltre l’articolo 30 recita: “E` dovere e diritto dei genitori mantenere, istruire ed educare i figli, anche se nati fuori del matrimonio”. Sottolineando che l’istruzione dei propri figli è in primis una responsabilità dei genitori, non dello Stato. 

Detto questo, anche se la nostra analisi non è al momento completa e soddisfacente, crediamo che questa possa essere una opportunità che molte famiglie adotteranno nel futuro.

Alla luce di altri letture che abbiamo effettuato in relazione alla generale e scarsa conoscenza delle lingue straniere in seno alle scuole (“Inserito per legge già dalle elementari e obbligatorio come lingua di espressione per una delle materie della maturità, in realtà l’inglese resta uno dei punti deboli del nostro sistema scolastico: lo si studia poco e male ed è lasciato alle famiglie di provvedere a farlo imparare ai figli…. chi vorrà dimostrare la propria preparazione, dovrà rivolgersi a enti certificatori privati, o aspettare di sostenere l’esame all’università.) e attestato dalle prove invalsi degli anni passati (“Le carenze partono da lontano: «Alle medie, dove i livelli delle prove erano l’A1 e l’A2 (livelli «contatto» e «sopravvivenza» del sistema QCER), solo il 55% dei ragazzi è arrivato al livello più alto». Una forbice che si allarga, andando avanti…”), siamo convinti che lo studio delle lingue straniere verrà sempre più dirottato verso le scuole private e al superamento di esami certificati a livello internazionale, gli unici riconosciuti a livello universitario e lavorativo.

La scuola pubblica (si parla in linea generale, consapevoli che ogni istituto scolastico è diverso e che esistono molte strutture altamente qualificate) ha mostrato e dimostrato, soprattutto in questo periodo di emergenza, i suoi limiti e la necessità di un miglioramento e cambiamento radicale alla sua base che le scuole private capaci (anche qui siamo consapevoli che molte strutture private sono carenti e e poco professionali) hanno colto già da anni e stanno già, da anni, colmando.

Potremmo noi scuola private, insieme ad una nuova visione da parte delle famiglie, essere la soluzione ai vuoti della scuola pubblica?

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.